fbpx

Tipi di plastica: conosci il tuo nemico

Tipos de plástico: Conoce a tu enemigo

Ogni tipo di plastica rappresenta una minaccia per l’ambiente, non solo per la sua densità o il potenziale di danno, ma anche per la quantità di prodotti che possono essere realizzati con questo materiale.

Non c’è dubbio che la plastica è un materiale importante per le industrie e nella vita di tutti i giorni, con benefici infiniti. Il problema è nella quantità di plastica che consumiamo e che buttiamo via.

Sebbene sia stato scoperto intorno al 1860, i prodotti iniziarono a essere realizzati con questo materiale tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo.

Il suo processo di ottenimento deriva dall’estrazione di resine e altre sostanze che fanno parte del petrolio, per applicare un processo di polimerizzazione.

Questo materiale è famoso per le sue qualità di malleabilità, per non essere pesante, per la sua funzionalità come isolante termico, per la sua impermeabilità e per essere un materiale economico.

Nel corso del tempo sono stati sviluppati diversi tipi di materie plastiche, che si adattano alle esigenze di ogni azienda e ai prodotti che fabbricano a partire da questa materia prima.

Alcune materie plastiche possono essere classificate come compostabili, essendo le meno dannose per l’ambiente. Altri sono preferibili da riciclare.

Tuttavia, ci sono alcuni tipi di plastica che non possono essere riciclati, soprattutto se mescolati con altri tipi di prodotti, per ottenere una materia prima diversa.

Continuate a leggere per saperne di più sui tipi di plastica esistenti, nonché sui vantaggi e gli svantaggi del loro utilizzo.

Tipi di plastica e loro identificazione

Tipos de plástico y su identificación

Dalla sua scoperta sono stati sviluppati diversi tipi di plastica. Ognuno di essi, per la sua composizione, ha funzionalità diverse, nonché impatti diversi sulla società e sull’ambiente.

Ci sono plastiche che possono essere riutilizzate e riciclate, altre che vengono usate per fare il compost e altre che hanno un metodo di smaltimento speciale perché contribuiscono ad aumentare l’inquinamento.

Per questo motivo è stato creato un codice di identificazione in plastica o resina, che funziona a livello internazionale ed è utilizzato dalle industrie.

La sua funzione principale è quella di informare le aziende sui materiali che compongono ogni tipo di plastica e sull’inquinamento che causano all’ambiente.

Il codice di identificazione in plastica è composto da sette tipi di plastica. Ogni tipo viene identificato inserendo i numeri da uno a sette all’interno dei triangoli di Möbius, che rappresentano il riciclaggio.

I tipi di plastica 1 e 7 devono essere accuratamente riciclati, i tipi 2, 4 e 5 sono sicuri e facili da riciclare, mentre i tipi 3 e 6 sono plastiche dannose.

Polietilene tereftalato

Il polietilene tereftalato – meglio conosciuto come PET – si ottiene dalla lavorazione del glicole etilenico o acido tereftalico attraverso un metodo chiamato policondensazione.

Viene utilizzato per realizzare bottiglie che verranno utilizzate per la conservazione di vari tipi di bevande, perché non permette l’ingresso di ossigeno dopo la chiusura e permette di vedere il contenuto della bottiglia perché è trasparente.

Questo tipo di plastica non genera costi elevati durante il processo di riciclaggio, quindi è una valida opzione per le aziende, soprattutto per quelle con vendite massicce di bevande, come le aziende di bibite analcoliche.

Con il riciclaggio di questa plastica si possono produrre nuove bottiglie o fibre che vengono utilizzate per la produzione di corde, sacchi a pelo, cuscini e tappeti.

Polietilene ad alta densità

Il secondo tipo di plastica è il polietilene ad alta densità o HDPE, che si ottiene utilizzando etilene. È robusto, versatile per lo stoccaggio di liquidi e può resistere alle alte temperature.

Per trasformare questa plastica in qualsiasi prodotto si utilizzano i metodi di soffiaggio, stampaggio rotazionale, estrusione e iniezione.

Questa plastica viene utilizzata per realizzare imballaggi contenenti prodotti alimentari come olio, latte e succhi di frutta, o prodotti per la pulizia come detersivi o olio per veicoli.

Il riciclaggio dell’HDPE si traduce in nuovi imballaggi, vasi, contenitori per la conservazione degli alimenti o contenitori per lo smaltimento dei rifiuti.

Cloruro di polivinile

Il polivinilcloruro o PVC è un tipo di plastica ottenuta combinando etilene e cloro, che sarà poi convertito in cloruro di vinile.

Sottoponendo il cloruro di vinile a polimerizzazione, si ottiene infine il cloruro di polivinile.

Per realizzare prodotti con questo materiale, è necessario miscelarlo con additivi che gli conferiscono proprietà flessibili o rigide, a seconda del prodotto finale da realizzare con questa materia prima.

È un tipo di plastica resistente e senza peso. Tuttavia, è classificata come plastica tossica a causa del suo processo di fabbricazione.

Il PVC viene utilizzato per produrre materiale medico, tubi, strumenti di costruzione e persino scarpe.

Il suo processo di riciclaggio è ingombrante e tossico, quindi raramente viene effettuato all’interno delle industrie.

Polietilene a bassa densità

Un altro tipo di plastica è il LDPE o polietilene a bassa densità, per il quale viene prodotto con gas naturale.

Si tratta di un materiale malleabile che viene lavorato con gli stessi metodi dell’HDPE: estrusione, soffiaggio, stampaggio rotazionale e stampaggio ad iniezione.

Inoltre, è famosa nelle aziende per il suo basso costo, l’elasticità, la trasparenza e la resistenza.

Viene utilizzato per produrre sacchetti, plastica avvolgente e isolamento. Questi prodotti possono anche essere ritrattati a partire da materiale riciclato.

Polipropilene

Il polipropilene è una termoplastica realizzata polimerizzando il propilene. È una plastica dura, resistente al calore e non pesante.

Viene utilizzato per realizzare contenitori che contengono yogurt, coperchietti, utensili, cannucce, cannucce, involucri o tappi di bottiglia.

Si tratta di una plastica che può essere sottoposta a un processo di riciclaggio per realizzare le scatole che contengono gli accumulatori delle auto, le travi e le tubazioni.

Polistirolo

Il polistirolo è una plastica che si divide in due tipi: polistirolo cristallino e polistirolo ad alto impatto.

Il polistirolo cristallo proviene dal petrolio, ed è caratterizzato dal fatto di essere lucido e trasparente come il vetro. Viene utilizzato per la produzione di bicchieri e bottiglie infrangibili.

D’altra parte, il polistirolo ad alto impatto è ottenuto da occlusioni di polibutadiene, che lo rende una plastica resistente e malleabile.

Oltre a queste caratteristiche, è una plastica che viene spesso utilizzata in edilizia per la sua qualità isolante.

Il polistirolo viene utilizzato per la produzione di tubi, docce, tazze e vassoi.

È un materiale complicato da riciclare, perché per ridurlo è necessaria una grande fonte di energia termica.

Altre materie plastiche

Il resto delle materie plastiche esistenti rientra in questa categoria perché non si sa quali tipi di plastica siano stati utilizzati nella loro produzione o se siano stati combinati.

Questa categoria comprende anche alcuni tipi di plastica meno comuni, come le bioplastiche, le plastiche termoindurenti e i termoplastici.

Le bioplastiche sono realizzate con materiali naturali e possono essere utilizzate come compostabili. Di solito sono fatti di bagassa di canna da zucchero o di amido.

D’altra parte, le plastiche termoindurenti sono quelle che hanno una sola possibilità di essere modellate in prodotti. Poiché non possono essere sciolti, non possono essere riciclati.

E infine, i termoplastici sono un materiale che si scioglie facilmente e si indurisce istantaneamente, non appena vengono raffreddati. Questo li rende facili da riciclare e indefinibili.

Vantaggi dell’uso della plastica

Ventajas del uso del plástico

Il vantaggio principale è la diversità dei prodotti finali che possono essere realizzati con i diversi tipi di plastica, i prodotti possono essere fabbricati come desiderato e la loro durezza dipenderà dalla plastica utilizzata.

A causa della loro qualità di isolatori elettrici, sono spesso utilizzati per realizzare prodotti in plastica, come cavi, interruttori, nastri isolanti o fusibili.

Sebbene esista un’ampia varietà di materiali per la realizzazione di oggetti, la maggior parte delle aziende considera la plastica come uno dei migliori, una decisione basata sui suoi bassi costi di acquisizione e di produzione

Allo stesso modo, i prodotti ottenuti con la plastica durano per molti anni, alcuni dei quali hanno la capacità di essere riutilizzati o riciclati per creare nuovi prodotti.

Svantaggi dell’uso della plastica

Desventajas del uso del plástico

Il principale svantaggio dell’utilizzo della plastica in molti dei prodotti che utilizziamo ogni giorno è il modo in cui smaltiamo i rifiuti che produciamo.

La plastica impiega circa 150 anni per degradarsi e durante questo tempo viene conservata nelle discariche o negli ecosistemi.

Nella maggior parte dei casi, la plastica non scompare o si degrada, si decompone in minuscole particelle – note come microplastiche – che finiscono per infiltrarsi in vari tipi di ecosistemi.

Man mano che entrano a far parte degli ecosistemi perché sono mal smaltiti, migliaia di specie vegetali e animali muoiono. Inoltre causano inquinamento nell’aria, nei corpi idrici e nella terra.

Il processo di estrazione dei componenti in plastica dal petrolio provoca gravi danni all’ambiente, come l’emissione di gas serra.

Se la plastica viene riciclata, non dovrebbe essere combinata perché significa più lavoro per le macchine e si ottiene una plastica scadente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *