fbpx

Tutto quello che c’è da sapere sulla plastica biodegradabile

plástico biodegradable

La plastica comune è uno degli elementi più inquinanti del pianeta. Anche se sono stati fatti degli sforzi per riciclare questo materiale non sarà mai ecologico e causerà sempre danni all’ambiente. Tuttavia, ultimamente è diventato noto un nuovo tipo, la plastica biodegradabile.

Si tratta di un’alternativa più rispettosa dell’ambiente per la produzione di borse, contenitori, utensili da cucina e per la casa. Sebbene sia biodegradabile, è molto resistente, in quanto è in grado di resistere al calore e all’umidità senza problemi.

In seguito, vi insegnerò tutto quello che dovete sapere sulla plastica biodegradabile e perché il suo utilizzo è così importante per contribuire alla conservazione del pianeta

Perché si chiama plastica biodegradabile?

Il termine biodegradabile è legato alla decomposizione di alcuni materiali o sostanze causata dall’azione di microrganismi. I microrganismi più comuni coinvolti sono batteri, funghi, insetti, tra gli altri. Il loro modo di degradare è quello di utilizzare le sostanze e i materiali come energia per generare altri composti.

Qualsiasi prodotto in plastica biodegradabile deve essere in grado di disintegrarsi in azione in determinate condizioni ambientali. La plastica comune non è in grado di disintegrarsi nell’ambiente, in quanto non serve come cibo per nessun essere vivente.

La plastica biodegradabile è realizzata con materie prime di origine vegetale come grano, amido di mais, soia, patate, yucca e banane. Questi tipi di plastica si disintegrano facilmente nel terreno e quindi diventano benefici per il suolo.

Tutte le plastiche che dichiarano di essere biodegradabili sono davvero biodegradabili?

plástico biodegradable acumulación

A seconda della loro composizione, esistono 3 tipi di plastica, di cui 2 classificati come ecologici:

Plastica comune

Questi sono quelli fatti con prodotti petroliferi. Sono composti da sostanze chimiche che possono essere tossiche, quindi non sono biodegradabili perché non servono come cibo per i microrganismi.

L’unico modo in cui si degradano è attraverso la radiazione solare che li fa perdere la loro resistenza per rottura. In questo modo, vengono convertiti in particelle sempre più piccole chiamate microplastiche. Tuttavia, non perdono mai la loro composizione chimica.

Plastica comune con un “tocco ecologico

È la stessa comune plastica, ma con l’aggiunta di componenti chimici che la aiutano a degradarsi. Anche se quando vengono scartate si degradano più rapidamente, non è stato dimostrato che siano completamente consumate dai microrganismi. Pertanto, gli scienziati presumono che ciò che accade in realtà è che si scompongono in microparticelle, diventando anche microplastiche.

Un chiaro esempio è rappresentato dalle borse del supermercato che si definiscono biodegradabili. A causa della loro composizione di origine con derivati del petrolio, finiranno sicuramente per diventare microplastici.

Plastica biodegradabile

Questo tipo di plastica non è composto da derivati del petrolio, ma da materie prime di origine vegetale. I componenti che servono come materia prima sono l’amido di mais, il grano, la yucca e le patate. Quando sono esposti alle condizioni ambientali, vengono convertiti in elementi chimici naturali che ne consentono la biodegradazione.

Gli elementi chimici in cui queste plastiche vengono convertite sono perfettamente legati al ciclo naturale del carbonio. Questo ciclo coinvolge principalmente insetti, batteri e funghi che convertono la materia in nutrienti per l’ambiente.

Come avrete notato, non tutte le plastiche che dichiarano di essere ecologiche sono veramente biodegradabili. Ecco perché è necessario che voi, in quanto consumatori, possiate scegliere prodotti realizzati con plastiche realmente biodegradabili.

Tutte le plastiche biodegradabili sono benefiche per l’ambiente?

È vero che le plastiche biodegradabili utilizzano materie prime di origine vegetale, ma hanno alcuni svantaggi. Essi utilizzano anche altri componenti o additivi il cui impatto sull’ambiente è sconosciuto.

Gli effetti che possono avere sul fondo marino non sono certamente noti. Sono fatti per degradare in condizioni molto specifiche sulla terraferma, quindi non troverete buone condizioni in mare. Alla fine, finiranno per depositarsi sul fondo del mare e lì i microrganismi non avranno l’ossigeno per avviare il ciclo del carbonio.

Sono un’alternativa all’uso della comune plastica, un materiale così dannoso per il nostro pianeta. Tuttavia, sono necessarie molte altre azioni per rendere il loro uso completamente utile per l’ambiente.

Non ci sono ancora abbastanza organismi che garantiscano la raccolta e il riciclaggio di questo tipo di plastica. Ciò garantirebbe la sua completa degradazione e la possibilità di utilizzarlo come fertilizzante per il terreno.

È necessaria molta più consapevolezza nella società per cambiare le abitudini di utilizzo della plastica, anche se biodegradabile. In realtà, una vera soluzione per l’ambiente sarebbe quella di ridurre i consumi in tutto il mondo.

Tuttavia, queste alternative di plastica biodegradabile sono servite come misure di mitigazione dell’inquinamento del pianeta.

Come posso cambiare le mie abitudini di consumo verso la plastica comune?

Ci sono molti negozi sul mercato che forniscono prodotti in plastica biodegradabile. Il loro obiettivo principale è quello di contribuire alla conservazione dell’ambiente.

Noi di Greenuso vi offriamo prodotti sostitutivi di quelli realizzati con materiali altamente contaminanti come la plastica. È molto importante per noi presentarvi delle alternative veramente utili e rispettose dell’ambiente.

Abbiamo bicchieri, piatti, posate, vassoi, scuotitori, contenitori e borse realizzati con vari materiali ecologici. Se cercate prodotti in plastica biodegradabile, troverete una varietà di materie prime di origine vegetale. Tra quelli che usiamo di solito ci sono la polpa di grano, l’amido di mais, la fecola di patate e la canna da zucchero.

La maggior parte dei nostri prodotti sono compostabili, il che significa che possono essere compostati. Dopo aver raggiunto la loro vita utile, possono essere utilizzati nel giardinaggio.

A Greenuso.com ci sforziamo ogni giorno di assicurare che i nostri clienti ottengano qualità e buoni prezzi per ciascuno dei loro prodotti. E’ nostro dovere come azienda creare consapevolezza tra i nostri clienti e renderli interessati a prendere abitudini più ecologiche. Speriamo che abbiate trovato tutte le informazioni necessarie sulla plastica biodegradabile molto utili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *