fbpx

Che effetto hanno su di noi le isole di plastica?

¿Cómo nos afectan la islas de plástico?

Lo sapevi che ci sono isole di plastica? Sì, come si legge, il nostro consumo incontrollato ha portato alla formazione di gigantesche isole di plastica che vanno e vengono al ritmo dettato dalle maree.

Le isole di plastica contribuiscono negativamente allo sviluppo della vita marina e sono tra le cause del temuto cambiamento climatico.

Come si formano le isole di plastica? Sono possibili a causa della nostra incoscienza. L’accumulo di grandi quantità di plastica nei mari e negli oceani, trasportata dall’azione delle correnti marine.

Questo fenomeno, considerato uno dei più importanti problemi ambientali del mondo, ha – al momento – 7 vortici o isole di rifiuti che invadono i nostri mari e oceani.

Le isole di plastica sono costituite da rifiuti di plastica di varie dimensioni, smaltiti dalla superficie al fondo del mare.

Generalmente, la maggior parte di queste isole sono composte da grandi detriti, mentre le microplastiche si trovano in concentrazioni più piccole o così si crede.

Se volete conoscere gli effetti, le cause, le conseguenze e i possibili modi per porre fine alle isole di plastica, continuate a leggere e scoprite quanti danni facciamo al nostro pianeta.

Cosa sono le isole di plastica?

¿Qué son las islas de plástico?

Le isole di plastica, note anche come isole dei rifiuti, sono grandi accumuli di plastica che galleggiano nell’oceano, provenienti dai rifiuti umani e dal traffico marittimo.

Si possono osservare sulla superficie dell’acqua come una macchia formata da strati di rifiuti tra cui: sacchetti, contenitori e pezzi di plastica inutili.

E sono le correnti oceaniche che portano via questo materiale impropriamente smaltito, usando i mari e gli oceani come se fossero discariche per i nostri rifiuti.

Il problema principale della formazione delle isole di plastica è che il suo componente principale impiega molti anni per degradarsi, causando un grave problema ambientale che interessa tutto il mondo.

Anche i pesci e gli uccelli cominciano ad essere trovati, così come gli abitanti dell’ecosistema marino, con grandi quantità di plastica nel loro apparato digerente.

Effetti disastrosi delle isole di plastica

Efectos desastrosos de las islas de plástico

Gli effetti causati dalla formazione di isole di plastica o di spazzatura sono diversi e, sebbene si trovino in luoghi molto lontani, la loro ripercussione si ripercuote su tutto il mondo.

Tra gli effetti più importanti delle isole di plastica che abbiamo:

  • Inquinamento dell’acqua: a causa del lungo periodo di tempo necessario alla plastica per degradarsi completamente, questi rifiuti possono passare molto tempo a galleggiare nell’acqua, contaminandone il contenuto. Al punto che si stima che tutti noi consumiamo plastica in tutto ciò che mangiamo e beviamo.
  • Fauna in pericolo: Gli abitanti dell’habitat marino, colpiti dal consumo involontario di plastica, cominciano a risentirne. Inoltre, gli animali di tutte le dimensioni muoiono quando rimangono impigliati nella plastica di tutti i tipi.
  • Riduzione del cibo: Anche il settore della pesca è interessato, in quanto vi sono prove della riduzione delle aree di pesca e della riduzione dell’attività nelle zone ad alto inquinamento.

Cosa causa le isole di plastica?

¿Qué causa las islas de plástico?

Le isole di plastica sono un problema complesso e devono essere attaccate con la forza, da varie entità e forze governative.

Le cause principali di questo problema globale sono:

  • Le discariche illegali.
  • Riciclaggio inadeguato,
  • L’inquinamento delle spiagge.
  • Rifiuti di aerei e navi.
  • Rifiuti depositati nei fiumi, che sfociano nei mari e negli oceani.
  • Correnti marine che trasportano rifiuti in mare, l’unica causa che – per il momento – non è la conseguenza di un comportamento umano sbagliato.

Le isole di plastica più importanti del mondo

Islas de plástico más importantes del mundo

Finora sono state scoperte sette isole di plastica, che sono diventate discariche per i rifiuti di plastica e i rifiuti trasportati dalle correnti marine.

Finora, le sette isole di plastica che sono state identificate sono

  • Isola di plastica nel Mar dei Sargassi: recentemente scoperta, i rifiuti di plastica e microplastica si concentrano su quest’isola. Vi si possono trovare contenitori rigidi, bottiglie di shampoo, borse e attrezzature per la pesca.
  • Arctic Plastic Island nel Mare di Barents: è l’isola più piccola, situata vicino al Circolo Polare Artico. I suoi rifiuti provengono dall’Europa e dalle coste del Nord America. Per azione diretta delle correnti marine, i rifiuti di quest’isola vengono spostati in Norvegia.
  • Isola di plastica nell’Oceano Indiano: ha un’estensione di oltre due chilometri. I suoi rifiuti hanno causato la morte di tartarughe e uccelli. La sua scoperta è stata ufficializzata nel 2010, anche se l’ipotesi della sua esistenza è stata avanzata fin dal 1988.
  • Isola di plastica dell’Atlantico del Sud: è una delle isole più piccole, situata tra il Sud America e il Sud Africa. Si stima che quest’isola sia composta da più di 2.800 tonnellate di rifiuti di plastica e la sua estensione è stimata in più di 1 km2.
  • North Atlantic Plastic Island: è la seconda isola di plastica più grande del mondo. È stato scoperto nel 1972 e ha un’alta densità di rifiuti. Si stima che si estenda per circa 4 milioni di chilometri quadrati.
  • South Pacific Plastic Island: la dimensione di quest’isola equivale a 8 volte l’estensione del territorio italiano. Vi si possono trovare micro-frammenti di materiali plastici erosi dall’azione del tempo.
  • Great Pacific Plastic Island: è l’isola più grande, situata nell’Oceano Pacifico, tra la California e l’arcipelago delle Hawaii. Contiene rifiuti pari a 100 milioni di tonnellate di plastica, metalli leggeri e rifiuti organici in decomposizione. La sua estensione è così grande che si stima che possa raggiungere i 10 milioni di chilometri quadrati.

Azioni per prevenire la creazione di isole di plastica

Acciones para evitar la creación de las islas de plásticos

Anche se pochissime persone ci credono, è nelle nostre mani impedire la crescente formazione di isole di plastica, che è possibile con l’attuazione di semplici pratiche nella nostra vita quotidiana.

Alcune di queste azioni lo sono:

  1. Ridurre l’uso della plastica.
  2. Riutilizzo e riciclaggio negli appositi contenitori.
  3. Partecipare alle giornate di pulizia della spiaggia.
  4. Promuovere la consapevolezza tra le persone per sradicare la formazione di isole di plastica.
  5. Sostenere le organizzazioni che lavorano per attuare misure per ridurre la plastica nell’oceano.
  6. Segnalare alle autorità le discariche illegali di rifiuti.

In questo modo, prima o poi, saremo in grado di cancellare quella macchia plastica dai nostri oceani, permettendo la progressiva igienizzazione dei nostri mari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *